Seleziona una pagina

Scopo

Per confrontare le misurazioni della pressione intraoculare (IOP) con la tonometria ad applanazione di Goldmann (GAT) e la tonometria di iCare nelle cornee normali e post-cheratoplastiche e per valutare l’influenza dello spessore corneale centrale (CCT), della curvatura corneale (CC) e dell’astigmatismo corneale (CA) su IOP.

Metodi

Questo studio prospettico trasversale comprendeva un occhio di 101 soggetti con cornea normale (58 soggetti sani, 43 con glaucoma); e 90 pazienti post-cheratoplastici: 34 cheratoplastiche penetranti (PK); 20 cheratoplastiche auto-lamellari-terapeutiche (ALTK); 19 cheratoplastiche endoteliali automatizzate da Descemet-stripping (DSAEK); 17 innesti edematosi. Tutti i soggetti sono stati sottoposti a misurazioni GAT e iCare IOP in ordine casuale e valutazione CCT, CC e CA. Il metodo Bland-Altman e l’analisi di regressione multivariata sono stati utilizzati per valutare l’accordo inter-tonometro e l’influenza di CCT, CC e CA sull’IOP.

Risultati

iCare ha significativamente sottovalutato la IOP in tutti i gruppi rispetto al GAT (GAT meno iCare di 3,5 ± 3,5 mm Hg, P <0,001), ma IOP sovrastimato negli innesti edematosi (GAT meno iCare di -6,5 ± 1,9 mm Hg, P <0,001). Nelle cornee normali, entrambe le misurazioni del tonometro erano direttamente correlate ai valori CCT; Le letture di iCare apparivano inversamente correlate a CC. Non vi era alcuna relazione significativa tra IOP e CCT, CC e CA negli occhi post-cheratoplastica, tranne che tra le misurazioni CC e iCare per gli occhi PK.

Conclusioni

La relazione dei risultati tra GAT e iCare era clinicamente accettabile nei gruppi di controllo, ALTK e DSAEK, e scarsa negli occhi con innesti PK ed edematosi. Nelle cornee normali, il GAT era significativamente influenzato dalla CCT; iCare è stato influenzato da CCT e CC. L’iCare è apparso meno influenzato dall’edema corneale se confrontato con il GAT. Le letture delle IOP elevate prese con entrambi i tonometri negli innesti dovrebbero sollevare il sospetto di una vera IOP elevata.

Parole chiave: pressione intraoculare, tonometro ad applanazione di Goldmann, tonometro iCare, spessore corneale, curvatura corneale, cheratoplastica

Introduzione

L’accuratezza della misurazione della pressione intraoculare (IOP) è fondamentale per lo screening, la diagnosi e la gestione del glaucoma e per tutti i tipi di procedure chirurgiche intraoculari. La tonometria ad applanazione Goldmann (GAT) è considerata il gold standard per la misurazione IOP;  la sua precisione è però influenzato da spessore corneale, curvatura, e le proprietà biomeccaniche, come rigidità, viscosità, elasticità, idratazione,  ,  ,  ,  ,  che hanno dimostrato di avere un’elevata variabilità interindividuale e di essere colpite da patologia corneale e chirurgia.  ,  ,  ,  , 

Gli studi hanno mostrato errate letture IOP postoperatorie con GAT dopo cheratoplastica.  ,  ,  , Sebbene non completamente compresi e prevedibili, gli errori della GAT IOP negli innesti corneali possono essere dovuti a diversi fattori tra cui: assottigliamento o ispessimento della cornea indotti chirurgicamente; astigmatismo postoperatorio alto e / o irregolare; interruzione dell’integrità meccanica e del rimodellamento del tessuto corneale, che comprendono le forze di compliance presenti nell’occhio ospite, la meccanica dell’interfaccia dell’innesto-innesto variabile, i cambiamenti nelle proprietà biomeccaniche della cornea e le difficoltà nell’allineare correttamente la testa del tonometro sulla superficie corneale.  ,  ,  , 

Sono stati sviluppati diversi tonometri alternativi che pretendono di fornire misurazioni che non sono influenzate dalle proprietà corneali, a differenza del GAT. L’iCare (Tiolat Oy, Helsinki, Finlandia) è un nuovo tonometro portatile, basato sul principio di induzione dell’impatto, noto anche come tonometria a rimbalzo. I principali vantaggi di questo dispositivo includono il suo uso rapido e semplice e non sono necessarie  l’anestesia locale e la lampada a fessura. Il tonometro iCare ha mostrato buona riproducibilità  e correlazione con GAT e altri tonometri in occhi sani e glaucomatosi.  ,  ,  , Sebbene iCare sia stato progettato per non essere influenzato dalle proprietà corneali, gli studi hanno dimostrato che lo spessore corneale centrale (CCT) e altre caratteristiche strutturali della cornea influenzano le letture iCare IOP.  , ,  ,  , 

Al meglio delle nostre conoscenze, gli studi che riportano l’influenza della curvatura corneale (CC) su iCare e le misurazioni della IOP comparativa negli occhi post-cheratoplastici sono limitati.

Lo scopo del nostro studio era di confrontare le letture della IOP prese con GAT e iCare in soggetti con cornea normale e in pazienti sottoposti a cheratoplastica lamellare o penetrante e di valutare l’influenza della CCT, della curvatura corneale (CC) e dell’astigmatismo corneale (CA) su IOP misure.

Materiali e metodi

Questo studio osservazionale prospettico comprendente i seguenti gruppi di soggetti consecutivi: 101 occhi con cornea normale (gruppo di controllo: 58 soggetti sani e 43 con glaucoma primario ad angolo aperto o soggetti POAG); e 90 occhi sottoposti a cheratoplastica (34 cheratoplastiche penetranti o PK; 20 cheratoplasie terapeutiche lamellari automatizzate o ALTK; 19 cheratoplastiche endoteliali automatizzate con stripping di Descemet o DSAEK; 17 innesti corneali edematosi). Solo un occhio per soggetto è stato selezionato in modo casuale utilizzando un’assegnazione di numeri randomizzati generati dal computer. Lo studio è stato conforme ai principi della Dichiarazione di Helsinki e il consenso informato è stato ottenuto da tutti i partecipanti prima del test. Ogni partecipante ha effettuato i seguenti esami nello stesso giorno: completo esame oftalmologico, tra cui la valutazione corretta dell’acuità visiva, l’esame con lampada a fessura dai nostri specialisti corneali (per determinare i segni di edema corneale clinico) e la biomicroscopia del fondo con una lente 90D; Misurazione IOP con tonometro GAT e iCare in ordine casuale, seguito da misure CCT, CC e CA. I soggetti normali sono stati reclutati da membri dello staff e volontari. I pazienti POAG e post-cheratoplastici sono stati reclutati presso le cliniche Glaucoma e Cornea del Dipartimento di Oftalmologia dell’Ospedale S. Maria della Misericordia, Udine, Italia. Lo studio era in conformità con i documenti di revisione istituzionale (IRB) e i requisiti HIPAA per l’istituto coinvolto nello studio. Lo studio è stato approvato dall’IRB dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “S. Maria della Misericordia “, Udine, Italia. esame con lampada a fessura dai nostri specialisti corneali (per determinare i segni di edema corneale clinico) e biomicroscopia del fondo con lente 90D; Misurazione IOP con tonometro GAT e iCare in ordine casuale, seguito da misure CCT, CC e CA. I soggetti normali sono stati reclutati da membri dello staff e volontari. I pazienti POAG e post-cheratoplastici sono stati reclutati presso le cliniche Glaucoma e Cornea del Dipartimento di Oftalmologia dell’Ospedale S. Maria della Misericordia, Udine, Italia.

I criteri di inclusione erano i seguenti: angolo aperto della camera anteriore; assenza di patologie oculari diverse dal glaucoma, ipertensione oculare, sclerosi nucleare lieve e rare drusen; almeno 3 mesi dopo l’intervento in soggetti trapiantati; misurazioni IOP e iCare affidabili; e disponibilità a fornire un consenso scritto informato.

Criteri di esclusione inclusi: presenza di cause secondarie di glaucoma; microphthalmus; infiammazione oculare; storia della chirurgia intraoculare diversa dalla cheratoplastica; e, usura delle lenti a contatto.

Gli occhi normali sono stati definiti come GAT IOP≤21 mm Hg; aspetto normale della testa del nervo ottico (ONH) e dello strato di fibre nervose retiniche (RNFL), risultati normali del campo visivo perimetria automatizzata (SAP) standard (VF); nessuna storia familiare di glaucoma e altre patologie oculari. POAG è stato definito come IOP> 21 mm Hg prima dello spessore del farmaco, ONH o RNFL con modifiche glaucomatose tipiche e / o difetti VF SAP glaucomatosi riproducibili.

Le malattie corneali che richiedono cheratoplastica sono state le seguenti: cheratocono con opacità dell’apice o intolleranza alle lenti a contatto, distrofie stromali, leucoma corneale, opacità stromale che si verificano dopo cheratite da herpes, lesioni penetranti e opacità del pulsante donatore dopo precedente PK per PK o ATLK; Distrofia endoteliale di Fuchs e cheratopatia bollosa per DSAEK. L’edema corneale clinico è stato causato da insufficienza o rigetto del trapianto.

Tutti gli interventi di cheratoplastica sono stati eseguiti da un solo chirurgo (PB) da marzo 2006 a gennaio 2009. Le tecniche PK,  ALTK,  e DSAEK  sono state ampiamente descritte altrove. Quattro suture interrotte e una singola sutura in nylon 10-0 da 16 denti (Ethicon Inc., Somerville, NJ, USA) sono state collocate in tutti i casi di PK e ALTK. Il farmaco postoperatorio comprendeva 0,1% di desametasone sodio fosfato e ofloxacina gocce oculari quattro volte al giorno per 1 settimana. Collirio di desametasone sono stati rastremati per 12 mesi in tutti i gruppi. Negli occhi PK e ALTK, la sutura in esecuzione è stata rimossa rispettivamente 6 e 12 mesi dopo l’intervento. La presenza o l’assenza della sutura in corso al momento dell’esame è stata registrata per ciascun occhio.

Tutte le misure CCT, CC e CA sono state eseguite dallo stesso esaminatore esperto (LP). La CCT è stata misurata con un pachimetro a ultrasuoni (pachimetro di Altair, Optikon 2000, Roma, Italia) dopo anestesia topica con colliri di benoxinato cloridrato allo 0,4%. È stata considerata la media di tre letture entro un intervallo di ± 5 micron.

Le misurazioni CC sono state effettuate con il rifrattore automatico / Keratometer 599 (Zeiss Humphrey, Dublin, CA, USA). I valori cheratometrici simulati includono la potenza diottrica e l’asse del meridiano più ripido e a 90 ° (K1 e K2). K1 e K2 sono stati mediati per ottenere un singolo valore CC. Il valore CA è stato definito come il valore assoluto per K2 meno K1.

Tutte le misurazioni della PIO sono state prese dallo stesso esaminatore esperto (MLS) che è stato mascherato con letture precedenti. Un diverso osservatore (LP) ha letto e registrato le letture IOP per minimizzare i bias. I metodi di tonometria GAT e iCare sono stati eseguiti secondo le linee guida del produttore.  ,  Tutti i soggetti sono stati sottoposti a misurazione IOP con il tonometro GAT e iCare in ordine casuale, con un intervallo di tempo minimo di 5 minuti tra le letture per ridurre al minimo l’effetto tonografico della tonometria ad applanazione. Per minimizzare il potenziale effetto confondente della variazione diurna nella IOP, tutte le misurazioni sono state prese da 1000 a 1130 ore.

Il GAT (Haag Streit International, Koeniz, Svizzera) è stato eseguito con una balaustra BQ 900 (Haag Streit, Berna, Svizzera) utilizzando anestetico locale (0,4% di benoxinato cloridrato) e strisce di fluoresceina al 2% di sodio. Il GAT è stato calibrato settimanalmente ed eseguito nel modo descritto originariamente da Goldmann e Schimdt.  Prima di ogni lettura, il tamburo di misurazione è stato riportato a ~6 mm Hg. Se la PIO oscillava durante il ciclo cardiaco, le misurazioni GAT venivano effettuate nel mezzo dell’ampiezza della pulsazione. La media di tre letture IOP consecutive è stata considerata per l’analisi. Negli occhi con astigmatismo irregolare o astigmatismo regolare> 3 diottrie (D), sono state mediate tre letture sul più ripido e tre sull’asse più piatto per ciascun occhio.  È stato utilizzato un intervallo temporale minimo di 3 minuti tra le letture GAT per minimizzare l’effetto tonografico della tonometria ad applanazione.

La tonometria di iCare è stata completamente descritta altrove.  In breve, il tonometro è un piccolo dispositivo portatile composto da una sonda e un solenoide. La sonda è posizionata ad una distanza di ~4-8 mm dalla cornea, utilizzando la fronte come supporto di base. Premendo il pulsante, un impulso elettrico genera un campo magnetico nel solenoide, che respinge il magnete e la sonda. La sonda si sposta verso, quindi rimbalza la cornea, che viene utilizzata nel calcolo della PIO. Il software è programmato per sei misurazioni: il valore medio della PIO viene calcolato automaticamente escludendo le letture più alte e più basse. Dopo la sesta misurazione, sul display appare la lettera P seguita dalla lettura della IOP media. È stata registrata la media di tre letture IOP consecutive. Il tonometro iCare utilizza diversi simboli dopo la lettera “P” per indicare la qualità della misurazione eseguita. Come suggerito da altri autori,  abbiamo scartato qualsiasi lettura di iCare con una barra di errore.

Le differenze tra i risultati del tonometro GAT e iCare sono state calcolate con il t- test appaiato ; i confronti tra gruppi di soggetti sono stati valutati utilizzando l’analisi della varianza; il test a intervallo multiplo di Duncan e la correzione Bonferroni sono stati utilizzati per confronti multipli. Le percentuali sono state confrontate utilizzando il test χ 2 . La correlazione tra i tonometri è stata calcolata utilizzando il coefficiente di correlazione di Pearson. L’accordo tra i tonometri è stato valutato utilizzando il metodo Bland-Altman. È stata calcolata la percentuale di occhi con differenza IOP (ΔIOP) tra tonometri compresi tra ± 1, 2, 3, 4, 5 e> 5 mm Hg. Un ΔIOP tra tonometri di> ± 3 mm Hg è stato considerato clinicamente significativo nel nostro studio. L’analisi di regressione lineare multipla (MLRA) è stata utilizzata per valutare l’influenza di CCT, CC, CA e il valore medio della IOP dei tonometri ((GAT + iCare) / 2) sulle misurazioni IOP e il ΔIOP (GAT meno iCare). I livelli di significatività sono stati valutati dal t -test a due code abbinato . L’analisi statistica è stata eseguita utilizzando SPSS 11.0 (SPSS, Chicago, IL, USA). La significatività statistica è stata definita come P <0,05. Per confronti multipli, un valore P <0,01 è stato considerato statisticamente significativo.

Considerando che il nostro studio ha definito un ΔIOP maggiore di ± 3 mm Hg come clinicamente rilevante e che la SD delle differenze di IOP tra i tonometri era ~ 3,5 mm Hg (Tabella 2), la potenza del nostro studio nel rilevare una differenza di 3 mm di Hg (a il livello di significatività del 5%, con un errore di tipo II del 20%) era del 100% in un gruppo di 100 soggetti (occhi di controllo) e del 75,2% in un gruppo di 20 soggetti (occhi post-cheratoplastica).

Risultati

I dati demografici e le caratteristiche strutturali corneali sono elencati nella Tabella 1 . Il tempo medio tra l’innesto e l’ultimo follow-up considerato era di 12.7 ± 15 (range 4-38) mesi. Tre occhi PK e due occhi di ALTK avevano una sutura in situ in situ .

Tabella 1

Demografia e caratteristiche corneali
Età (anni) CCT ( μ m) CC (diottrie) CA (diottrie)
Gruppo di controllo ( n = 101) 63,2 ± 11,1 (34-83) 557,6 ± 34,9 (472,7-624) 43,5 ± 1,6 (40,0-46,3) 0,9 ± 0,8 (0-3,7)
Gruppo PK ( n = 34) 64,0 ± 14,2 (32-88) 569,2 ± 50,4 (478-698) 45,4 ± 2,7 (39,7-51,1) 5,7 ± 3,6 (0-12,2)
Gruppo ALTK ( n = 20) 66,3 ± 11,7 (43-87) 562,5 ± 43,5 (475-635) 43,6 ± 2,3 (38,4-46,7) 3,9 ± 2,6 (0,7-12,0)
Gruppo DSAEK ( n = 19) 75,5 ± 11,9 (53-88) 650,2 ± 61,6 (545-760) 43,9 ± 2,2 (38,0-47,6) 1,7 ± 1,1 (0,2-5,0)
Gruppo di innesti edematosi ( n= 17) 71,3 ± 14,1 (44-88) 784,9 ± 61,4 (696-903) 43,1 ± 2,7 (39,4-44,5) 2,5 ± 2,1 (0-8,5)
P ^ <0,0001 <0,0001 <0,0001 <0,0001

Abbreviazioni: ALTK, cheratoplastica automatizzata lamellare-terapeutica; CA, astigmatismo corneale; CC, curvatura corneale; CCT, spessore corneale centrale; DSAEK, cheratoplastica endoteliale automatizzata con Descemet-stripping; PK, cheratoplastica penetrante; ^, analisi della varianza.

I risultati sono dati come media ± DS (intervallo di confidenza del 95%).

La Tabella 2 mostra i risultati delle misurazioni IOP. Le misurazioni medie della PIO erano significativamente più alte con GAT che con iCare nei gruppi di controllo, PK, ALTK e DSAEK e significativamente inferiori nel gruppo di innesti edematosi. La lettura di GAT e iCare è risultata altamente correlata in tutti i gruppi. La media ΔIOP in valore assoluto era più alta negli innesti edematosi e nei gruppi PK, più bassa nel gruppo DSAEK e più bassa nei gruppi ALTK e controlli.

Tabella 2

Risultati della misurazione della pressione intraoculare
GAT IOP iCare IOP P ^ * GAT-iCare
(mm Hg) (mm Hg) P (mm Hg)
Gruppo di controllo ( n = 101) 17,6 ± 4,9 (9,5-28) 14,9 ± 4,5 (8-24,4) <0,0001 0.83 2,7 ± 3,4 (-5/9)
<0,0001
Soggetti sani ( n = 58) 15,3 ± 3,8 (9,5-21) 13,9 ± 4,1 (8-20) <0,0001 0.86 1,4 ± 3,5 (-5/9)
<0,0001
Pazienti POAG ( n = 43) 20,6 ± 4,5 (12-28) 16.2 ± 4.7 (10-24.4) <0,0001 0.82 4,4 ± 2,4 (0/9)
<0,0001
Gruppo PK ( n = 34) 20,3 ± 5,0 (12-34) 14,7 ± 5,4 (8-31) <0,0001 0.76 5,5 ± 3,6 (-3/12)
<0,0001
Gruppo ALTK ( n = 20) 14,1 ± 4,6 (6-24) 11,8 ± 3,7 (5-18) <0,0001 0,78 2,3 ± 2,9 (-4/7)
<0,0001
Gruppo DSAEK ( n = 19) 17,7 ± 3,8 (11-25) 13,6 ± 4,6 (8-26) <0,0001 0,70 4.0 ± 3.3 (-2/10)
<0.001
Gruppo di innesti edematosi ( n = 17) 9.1 ± 3.1 (5-14) 13,9 ± 3,8 (10-22) <0,0001 0.68 -6,5 ± 1,9 (-11 / -4)
<0.002
** <0,0001 <0.01 <0,0001

Abbreviazioni: ALTK, cheratoplastica automatizzata lamellare-terapeutica; DSAEK, cheratoplastica endoteliale automatizzata con Descemet-stripping; PK, cheratoplastica penetrante; POAG, glaucoma primario ad angolo aperto; ^, abbinato t- test

I risultati sono dati come media ± DS (intervallo di confidenza del 95%). * Coefficiente di correlazione di Pearson; **analisi della varianza.

Quando le misurazioni sono state effettuate in due sequenze diverse in tutti i gruppi (prima GAT vs GAT secondo), il ΔIOP non era significativamente diverso.

La figura 1 mostra la percentuale di occhi che seguono a intervalli diversi di ΔIOP tra i tonometri (GAT meno iCare) per tutti i gruppi. La percentuale di occhi con ΔIOP entro ± 3 mm Hg era più alta negli occhi sani e nel gruppo ALTK, più alta nel gruppo DSAEK, più bassa negli occhi POAG e nel gruppo PK e più bassa negli innesti edematosi. Il ΔIOP era entro ± 3 mm Hg nel 42,4% di tutti gli occhi.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è eye201160f1.jpg

Istogramma di frequenza delle differenze nelle misurazioni IOP tra GAT e iCare. L’istogramma mostra la percentuale di occhi che rientrano in intervalli diversi di differenze nella misurazione della PIO tra GAT e iCare (GAT meno iCare) in soggetti con cornea normale (gruppo di controllo), pazienti dopo cheratoplastica penetrante (gruppo PK); pazienti dopo cheratoplastica lamellare-terapeutica automatizzata (gruppo ALTK), pazienti dopo cheratoplastica endoteliale automatizzata con Descemet-stripping (gruppo DSAEK) e pazienti dopo cheratoplastica con edema corneale (gruppo di innesti edematosi).

I diagrammi di Bland-Altman dell’accordo tra le misurazioni GAT e iCare IOP sono mostrati nella Figura 2. I grafici mostrano la distribuzione di ΔIOP (GAT meno iCare) sull’asse ye il valore medio della IOP dei tonometri sull’asse x per ciascun occhio misurato. La media del ΔIOP (GAT meno iCare) era positiva nei gruppi di controllo, PK, ALTK e DSAEK; tuttavia, era negativo nel gruppo del trapianto edematoso.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è eye201160f2.jpg

Bland-Altman illustra l’accordo tra le misurazioni GAT e iCare IOP. Il grafico mostra la distribuzione di ΔIOP (GAT-iCare) ( asse y ) rispetto al valore medio della PIO dei tonometri ( asse x ) per ciascun occhio misurato in soggetti con cornea normale (a) gruppo di controllo), pazienti dopo cheratoplastica penetrante ( (b) gruppo PK), pazienti dopo cheratoplastica terapeutica lamellare-lamellare (c) gruppo ALTK), pazienti dopo cheratoplastica endoteliale automatizzata con Descemet-stripping ((d) gruppo DSAEK) e pazienti dopo cheratoplastica con edema corneale (( e) gruppo di innesti edematosi).

I risultati di MLRA sono elencati nella Tabella 3 . Le variabili dipendenti considerate nel nostro studio (valore CCT, CC, CA e IOP medio) sono state in grado di spiegare la variazione delle variabili indipendenti (letture GAT e iCare IOP) negli occhi con cornea normale ( P<0,05) ma non negli occhi post-cheratoplastici. Soggetti sani e occhi POAG hanno mostrato risultati paragonabili di MLRA (dati non mostrati). Per quanto riguarda il gruppo di controllo, entrambe le letture IOP del tonometro erano significativamente correlate alla CCT, che appariva leggermente più alta per iCare. Le misurazioni della IOP con iCare sono apparse significativamente inversamente correlate a CC. Il ΔIOP (GAT meno iCare) appariva significativamente correlato direttamente al CC e alla IOP media. La relazione tra le letture IOP e CCT, CC e CA negli occhi post-cheratoplastica non era significativa, tranne che per CC sulle misurazioni IOP iCare nel gruppo PK che mostravano un significativo effetto inverso. I valori di IOP di entrambi i tonometri non erano significativamente influenzati dall’età del paziente o dalla presenza di una sutura in esecuzione ( P > 0,05).

Tabella 3

Coefficienti di regressione (valore P ) dell’analisi di regressione lineare multipla
Variabile indipendente


*
dipendente Intercettare CCT CC circa (GAT + iCare) / 2
variabile (Um) (diottrie) (diottrie) (mm Hg)
Gruppo di controllo GAT IOP -2.2 0,041 (0,01) 0,06 (0,85) -0,19 (0,76) n / A 0.047
n = 101) iCare IOP 20,6 0,050 (0,0001) -0,76 (0,008) -0,23 (0,68) n / A 0.0001
GAT-iCare -24,3 -0.016 (0,10) 0,76 (0,0001) 0,072 (0,85) 0,17 (0,015) 0.001
Gruppo PK GAT IOP 22.2 0,012 (0,50) 0,20 (0,56) 0,03 (0,92) n / A 0.82
n = 34) iCare IOP 44.9 0,009 (0,62) -0,77 (0,031) -0,06 (0,81) n / A 0.15
GAT-iCare -22,1 0,003 (0,80) 0,56 (0,023) 0,085 (0,61) -0,02 (0,88) 0,17
Gruppo ALTK GAT IOP -28,5 -0,003 (0,87) 0,22 (0,57) -0,6 (0,10) n / A 0.55
n = 20) iCare IOP 7.8 -0,030 (0,11) 0,12 (0,72) -0,50 (0,11) n / A 0.62
GAT-iCare -34,1 0,030 (0,06) 0,10 (0,62) -0,02 (0,94) 0,20 (0,29) 0,11
Gruppo DSAEK GAT IOP 10.7 -0,009 (0,55) 0,26 (0,59) 0,34 (0,35) n / A 0.37
n = 19) iCare IOP -6.0 -0.018 (0,38) 0,19 (0,76) -0,20 (0,86) n / A 0.85
GAT-iCare 17,4 0,010 (0,11) 0,13 (0,68) 0,13 (0,37) -0,29 (0,10) 0,19
Innesti edematosi GAT IOP 3.7 -0.017 (0,16) 0,41 (0,60) 0,56 (0,44) n / A 0.66
Gruppo ( n = 17) iCare IOP 16,0 -0,035 (0,16) 0,26 (0,57) -0,13 (0,87) n / A 0.52
GAT-iCare -10,6 0,013 (0,34) 0,15 (0,73) 0,73 (0,13) -0,16 (0,49) 0.37

Abbreviazioni: ALTK, cheratoplastica automatizzata lamellare-terapeutica; CA, astigmatismo corneale; CC, curvatura corneale; CCT, spessore corneale centrale; DSAEK, cheratoplastica endoteliale automatizzata con Descemet-stripping; PK, cheratoplastica penetrante; na, non applicabile. * valore di significatività del modello nello spiegare la variazione della variabile dipendente. I valori statisticamente significativi sono indicati in grassetto.

Discussione

In accordo con i precedenti rapporti, le misurazioni  ,  ,  ,  ,  GAT e iCare IOP erano altamente correlate ( Tabella 2 ). Il tonometro iCare, tuttavia, ha significativamente sottostimato la IOP del GAT in tutti i gruppi ( Tabella 2 , Figura 2a-d ), con l’eccezione delle cornee del trapianto edematoso, in cui la PIO tendeva ad essere sovrastimata rispetto al GAT ( Tabella 2 ; Figura 2e). La relazione tra le letture GAT e iCare è un problema ancora discutibile. Sebbene iCare non sia stato convalidato con studi manometrici in occhi umani, gli studi hanno dimostrato che la tonometria di rimbalzo fornisce misurazioni della PIO accurate rispetto agli studi manometrici su modelli animali,  ,  e tendono ad essere preferibili alle letture di PIP di TonPen.  nostri risultati per occhi sani e glaucomatosi sono in accordo con alcuni studi,  ,  , ma in disaccordo con altri,  ,  ,  che possono essere dovuti alle differenze nella coorte di soggetti.

La differenza media della PIO tra le letture GAT e iCare era più alta nei pazienti glaucomatosi rispetto agli occhi sani ( Tabella 2 ). Questo risultato potrebbe essere dovuto alla differenza di età, IOP medio (risultati di MLRA, Tabella 3 ) o proprietà biomeccaniche corneali. Tutti i pazienti POAG hanno ricevuto colliri anti-glaucomatosi, che hanno dimostrato di influenzare la matrice extracellulare corneale;  quindi, rigidità corneale o elasticità potrebbe essere stata alterata negli occhi POAG.

Il tonometro iCare tendeva a sottovalutare significativamente le letture GAT negli occhi post-cheratoplastici, con eccezione per gli occhi con edema corneale ( Tabella 2 , Figura 2a-e ). A differenza del GAT, che ha dimostrato di sottovalutare significativamente la IOP nelle cornee edematose,  ,  iCare tendevano ad essere meno influenzati dall’idratazione della cornea.

La riproducibilità del GAT si è dimostrata abbastanza buona, con valori compresi tra 2,5 mm Hg in normali e 3,5 mm Hg in occhi post-KP.  In accordo con studi precedenti,  ,  differenze che superano questi limiti tendono ad essere clinicamente rilevanti per la diagnosi, il follow-up e il trattamento.

Le misurazioni GAT e iCare non erano intercambiabili nella maggior parte dei casi nelle cornee sia normali che post-chirurgiche, considerando che il 57,6% degli occhi mostrava una differenza di IOP tra tonometri superiori a ± 3 mm Hg ( Figura 1 ). Quando si considera un ΔIOP tra tonometri di> ± 3 mm Hg come clinicamente rilevante, l’accordo tra i tonometri appare clinicamente accettabile nei gruppi di controllo, ALTK e DSAEK ( Figura 1 ). L’accordo, tuttavia, era scarso nel gruppo PK, considerando che il 56% di questi occhi mostrava un ΔIOP tra tonometri di> ± 5 mm Hg. Era clinicamente inaccettabile negli occhi con edema corneale, considerando che il 71% di questi occhi mostrava un ΔIOP tra tonometri di> ± 5 mm Hg.

La CCT ha influenzato significativamente le misurazioni della GAT e della IE iCare in cornee sani, tuttavia, non negli occhi post-cheratoplastica ( Tabella 3 ). In accordo con altri studi su GAT  ,  ,  ,  , e iCare,  ,  ,  nostri dati hanno mostrato che la IOP era significativamente correlata direttamente alla CCT in soggetti con cornea normale ( Tabella 3 ), con un aumento della PIO di 0,41 mm Hg per GAT e 0,50 mm Hg per iCare per 10  μ m di aumento CCT ( Tabella 3 ).

I nostri occhi post-cheratoplastici non hanno mostrato alcuna relazione statisticamente significativa tra CCT e entrambi i valori di IOP tonometri, che è in accordo con studi precedenti relativi al GAT in post-PK,  ,  post-deep LK anteriore,  e post-DSEK.  È probabile che la cheratoplastica possa alterare la biomeccanica corneale,  e la rigidità corneale potrebbe non necessariamente aumentare nelle cornee post-cheratoplastiche più spesse. Elevate letture della PIO con entrambi i tonometri dopo cheratoplastica dovrebbero quindi sollevare il sospetto di una vera IOP elevata.

La CC sembrava influenzare in modo significativo l’IOP di iCare nelle cornee normali e post-PK, tuttavia, non influenzava la IOP della GAT ( Tabella 3 ). Gli studi hanno dimostrato che l’influenza del CC sulle letture della GAT IOP è discutibile, ma tende ad essere marginale negli occhi normali.  ,  In accordo con i nostri risultati, gli autori precedenti hanno riferito che non ci sono correlazioni tra CC e GAT IOP;  ,  , tuttavia, altri studi hanno mostrato alcune correlazioni.  Inoltre, CC ha dimostrato di non avere alcun effetto significativo sulla GAT IOP negli occhi LK post-PK e post-profondi  , che è in accordo con i nostri dati.

In disaccordo con studi precedenti,  nostri risultati mostrano che iCare tendeva a sottostimare la PIO in cornee ripide sane e sovrastimare la PIO in cornee piatte normali, con una diminuzione della PIO di 0,76 mm Hg per 1 D in CC ( Tabella 3 ). Le cornee più calde possono ipoteticamente ridurre la velocità della sonda iCare, sottostimando artificialmente la IOP.

La relazione tra CA e IOP con entrambi gli strumenti nei controlli e negli occhi post-cheratoplastica non era significativa ( Tabella 3 ). Gli studi hanno dimostrato che CA influenza notevolmente il GAT.  ,  , Il metodo usato per misurare la IOP con GAT negli occhi con alto astigmatismo (la media di due letture prese sul più piatto e più ripido meridiano)  potrebbe aver influenzato i risultati nella nostra coorte di pazienti. Inoltre, gli studi hanno riportato che la CA non ha effetti significativi sul GAT negli occhi LK post-PK e post-profondi  , che è in accordo con i nostri risultati. A differenza del GAT, la sonda iCare è in contatto con un’area molto piccola sulla superficie corneale, quindi teoricamente meno influenzata dalla CA.

Le variabili CC, CA, CCT e valore della PIO media considerate nel nostro studio erano significativamente correlate alle misurazioni della PIO prese con GAT e iCare nelle cornee normali, ma non negli occhi post-cheratoplastica ( Tabella 3 ); questo può essere indicativo di altri fattori confondenti non considerati (specialmente nelle cornee trapiantate), come la biomeccanica alterata della cornea, che sono noti per indurre errori sulle misurazioni della Tonometria GAT  ,  e del rimbalzo  .

Da un punto di vista clinico, il tonometro iCare è apparso più facile e più veloce da usare rispetto agli occhi post-cheratoplastica nel nostro studio, specialmente negli occhi con astigmatismo elevato che ha richiesto diverse misurazioni GAT ripetute. È importante, tuttavia, notare alcuni limiti del nostro studio. La nostra coorte di soggetti, in particolare i gruppi post-cheratoplastica, era relativamente piccola. Inoltre, gli occhi considerati non avevano una vasta gamma di CCT in entrambi i gruppi, quindi l’effetto di cornee sottili o spesse non è stato valutato. Il nostro studio è anche limitante in quanto i pazienti considerati sono abbastanza variabili, e le differenze intrinseche oculari (cioè lunghezza assiale, proprietà biomeccaniche corneali, cambiamenti postoperatori indotti, ecc.) Non sono state valutate nella nostra analisi. Inoltre, non sono stati esclusi soggetti in terapia topica con gocce anti-glaucomatose o steroidee

In conclusione, le letture GAT e iCare IOP erano altamente correlate ma non intercambiabili. L’accordo inter-tonometro era clinicamente accettabile nei gruppi di controllo, ALTK e DSAEK; appariva, tuttavia, povero nei gruppi PK ed edematosi innesti. Negli occhi con cornea normale, il GAT sembra essere significativamente influenzato dal CCT, mentre iCare tende ad essere influenzato sia dal CCT che dal CC. Il tonometro iCare è apparso meno influenzato dall’edema corneale rispetto al GAT. Letture IOP elevate con entrambi i tonometri negli innesti dovrebbero far sospettare una vera IOP elevata. Sono necessari ulteriori studi, comprese misurazioni manometriche intraoculari, per determinare il metodo di tonometria più accurato negli occhi post-cheratoplastici.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è eye201160i1.jpg

Riferimenti

    • Goldmann H, Schmidt T. Ueber Applanationstonometrie. Ophthalmologica. 1957; 134 : 221-242. [ PubMed ]  ]
    • Whitacre MM, Stein R. Fonti di errore con l’uso di tonometri tipo Goldmann. Surv Ophthalmol. 1993; 38 : 1-30. [ PubMed ]  ]
    • Doughty MJ, Zaman ML. Spessore corneale umano e suo impatto sulle misure di pressione intraoculare: un approccio di revisione e meta-analisi. Surv Ophthalmol. 2000; 44 : 367-408. [ PubMed ]  ]
    • Liu J, Roberts CJ. Influenza delle proprietà biomeccaniche corneali sulle misurazioni della pressione intraoculare: analisi quantitativa. J Cataratta Refract Surg. 2005; 31 : 146-155. [ PubMed ]  ]
    • Kohlhaas M, Boehm AG, Spoerl E, Pursten A, Grein HJ, Pillunat LE. Effetto dello spessore corneale centrale, della curvatura corneale e della lunghezza assiale sulla tonometria ad appianamento. Arch Ophthalmol. 2006; 124 : 471-476. [ PubMed ]  ]
    • Broman AT, Congdon NG, Bandee-Roche K, Quigley HA. Influenza della struttura corneale, reattività corneale e altri parametri oculari sulla misurazione tonometrica della pressione intraoculare. J Glaucoma. 2007; 16 : 581-588. [ PubMed ]  ]
    • Luce DA. Determinazione delle proprietà biomeccaniche in vivo della cornea con un analizzatore di risposta oculare. J Cataratta Refract Surg. 2005; 31 : 156-162. [ PubMed ]  ]
    • Ceruti P, Morbio R, Marraffa M, Marchini G. Confronto tra la tonometria dinamica del contorno e la tonometria ad applanazione di Goldmann nella cheratoplastica profonda lamellare e penetrante. Am J Ophthalmol. 2008; 145 : 215-221. [ PubMed ]  ]
    • Vajaranant TS, Prezzo MO, Prezzo FW, Wilensky JT, Edward DP. Misurazioni della pressione intraoculare in seguito alla cheratoplastica endoteliale di stripping di Descemet. Am J Ophthalmol. 2008; 145 : 780-786. [ PubMed ]  ]
    • Patel S, McLaughlin MJ. Effetti dello spessore corneale centrale sulla misurazione della pressione intraoculare nel cheratocono e nella post-cheratoplastica. Ophthal Physiol Opt. 1999; 3 : 236-241. [ PubMed ]  ]
    • Ismail AR, Lamont M, Perera S, Khan-Lim D, Mehta R, Macleod JDA, et al. Confronto della misurazione della PIO usando GAT e DCT in pazienti con cheratoplastiche penetranti. Br J Ophthalmol. 2007; 91 : 980-981. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
    • Kontiola AI. Un nuovo metodo di impatto basato sull’induzione per misurare la pressione intraoculare. Acta Ophthalmol Scand. 2000; 78 : 142-145. [ PubMed ]  ]
    • Martinez-de-la-Casa JM, Garcia-Feijoo J, Castillo A, Garcia-Sanchez J. Riproducibilità e valutazione clinica della tonometria a rimbalzo. Investi Ophthalmol Vis Sci. 2005; 46 : 4578-4580. [ PubMed ]  ]
    • Nakamura M, Darhad U, Tatsumi Y, Fujioka M, Kusuhara A, Maeda H, et al. Accordo di tonometro di rimbalzo nella misurazione della pressione intraoculare con tre tipi di tonometri ad applanazione. Am J Ophthalmol. 2006; 142 : 332-334. [ PubMed ]  ]
    • Martinez-de-la-Casa JM, Garcia-Feijoo J, Vico E, Fernandez-Vidal A, Benitez del Castillo JM, Wasfi M, et al. Effetto dello spessore corneale sul contorno dinamico, rimbalzo e tonometria di Goldmann. Oftalmologia. 2006; 113 : 2156-2162. [ PubMed ]  ]
    • Brusini P, Salvetat ML, Zeppieri M, Tosoni C, Parisi L. Confronto tra il tonometro ICare e il tonometro ad applanazione Goldmann nei pazienti affetti da glaucoma. J Glaucoma. 2006; 15 : 213-217. [ PubMed ]  ]
    • Chui W, Lam A, Chen D, Chiu R. L’influenza delle proprietà corneali sulla tonometria a rimbalzo. Oftalmologia. 2008; 115 : 80-84. [ PubMed ]  ]
    • Bahar I, Kaiserman I, McAllum P, Slomovis A, Rootman D. Confronto tra le tecniche di cheratoplastica lamellare posteriore e la cheratoplastica penetrante. Oftalmologia. 2008; 115 : 1525-1533. [ PubMed ]  ]
    • Busin M, Zambianchi L, Arffa RC. Cheratoplastica lamellare con microcheratomo-assistita per il trattamento chirurgico del cheratocono. Oftalmologia. 2005; 112 : 987-997. [ PubMed ]  ]
    • Prezzo FW, Jr, Prezzo MO. Spogliarello di Descemet con cheratoplastica endoteliale in 200 occhi: sfidante precoce e tecniche per migliorare l’aderenza del donatore. J Cataratta Refract Surg. 2006; 32: 411-418. [ PubMed ]  ]
    • Holladay JT, Allison ME, Prager TC. Tonometria ad applanazione Goldmann in pazienti con astigmatismo regolare. Am J Ophthalmol. 1983; 96 : 90-93. [ PubMed ]  ]
    • Bland JM, Altman DG. Metodi statistici per valutare l’accordo tra due metodi di misurazione clinica. Lancetta. 1986; 1 : 307-310. [ PubMed ]  ]
    • Kontiola A, Puska P. Misurazione della pressione intraoculare con Pulsair 3000 e tonometri di rimbalzo nei pazienti anziani senza anestesia. Graefe’s Arch Clin Exp Ophthalmol. 2004; 242 : 3-7. [ PubMed ]  ]
    • Pease ME, Hammond JC, Quigley HA. Calibrazione manometrica e confronto dei tonometri TonLab e TonoPen nel ratto con glaucoma sperimentale e nei topi normali. J Glaucoma. 2006; 15 : 512-519. [ PubMed ]  ]
    • Pease ME, Cone FE, Gelman S, Son JL, Quigley HA. Calibrazione del tonometro TonLab nei topi con glaucoma spontaneo o sperimentale. Investi Ophthalmol Vis Sci. 2010; 52 : 858-864. Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ]  ]
    • Ito T, Ohguro H, Mamiya K, Ohguro I, Nakazawa M. Effetto di gocce di antiglaucoma su MMP e TIMP equilibrio nel tessuto congiuntivale e sottocongiuntivale. Investi Ophthalmol Vis Sci. 2006; 47: 823-830. [ PubMed ]  ]
    • Pandav SS, Sharma A, Gupta A, Sharma SK, Gupta A, Patnaik B. Affidabilità dei tonometri ad applanazione ProTon e Goldmann negli occhi normali e post-operatori. Oftalmologia. 2002; 109 : 979-984. [ PubMed ]  ]
    • Francis BA, Hsieh A, Lai MY, Chopra V, Pena F, Azen S, et al. Los Angeles Latino Eye Study Group. Effetti dello spessore della cornea, della curvatura corneale e del livello di pressione intraoculare sulla tonometria ad applanazione Goldmann e sulla tonometria dinamica del contorno. Oftalmologia. 2007; 114 : 20-26. [ PubMed ]  ]
    • Rao VJ, Gnanaraj L, Mitchell KW, Figueiredo FC. Confronto clinico del tonometro del flusso sanguigno oculare, del tonometro e del tonometro ad applanazione di Goldmann per misurare la pressione intraoculare negli occhi post-cheratoplastica. Cornea. 2001; 20 : 834-838. [ PubMed ]  ]
    • Whitacre MM, Stein RA, Hassanein K. L’effetto dello spessore corneale sulla tonometria ad applanazione. Am J Ophthalmol. 1993; 115 : 592-596. [ PubMed ]  ]
    • Wolfs RC, Klaver CC, Vingerling JR, Grobbee DE, Hofman A, de Jong PT. Distribuzione dello spessore centrale della cornea e sua associazione con la pressione intraoculare: lo studio di Rotterdam. Am J Ophthalmol. 1997; 123 : 767-772. [ PubMed ]  ]
    • Orssengo G, Pye DC. Determinazione della vera pressione intraoculare e del modulo di elasticità della cornea umana in vivo . Bull Math Biol. 1999; 61 : 551-572. [ PubMed ]  ]
    • Shimmyo M, Ross AJ, Moy A, Mostafavi R. Pressione intraoculare, tensione di applanazione di Goldmann, spessore corneale e curvatura corneale in caucasici, asiatici, ispanici e afroamericani. Am J Ophthalmol. 2003; 136 : 603-613. [ PubMed ]  ]
    • Saleh TA, Adams M, McDermott B, Claridge KG, Ewings P. Effetti dello spessore corneale centrale e della curvatura corneale sulle misurazioni della pressione intraoculare mediante tonometria ad applanazione di Goldmann e pneumatonometro a flusso sanguigno oculare. Clin Exp Ophthalmol. 2006; 34 : 516-520. [ PubMed ]  ]
    • Mark HN. Curvatura corneale in tonometria ad appianamento. Am J Ophthalmol. 1973; 76 : 223-224. [ PubMed ]  ]
    • Johannesson G, Hallberg P, Eklund A, Linden C. Pascal, tonometria ad applanazione ICare e Goldmann – uno studio comparativo. Acta Ophthalmol. 2008; 86 : 614-621. [ PubMed ]  ]
  • Rask G, Behndig A. Effetti dello spessore della cornea, della curvatura, dell’astigmatismo e della direzione dello sguardo sulle letture della tonometria dell’applanazione Goldmann. Resistenza oftalmica. 2006; 38 : 49-55. [ PubMed ]  ]