Seleziona una pagina

La tecnologia è prevedibile, riproducibile, efficace e se necessario rimovibile.

La chirurgia refrattiva ha fatto molta strada da quando è stata concettualizzata per la prima volta nel 1948 dal missionario polacco e oculista padre Waclaw Szuniewicz e fin dalle prime procedure chirurgiche sono state eseguite da Barraquer nel 1964. Agli albori della chirurgia refrattiva, quando si tentò di modificare il cornea con Cherautomileusi e cheratofachia, non è possibile prevedere i risultati chirurgici o promettere ai pazienti la visione eccezionale che può essere raggiunta oggi con la moderna chirurgia refrattiva. Veloce fino al momento attuale, quando abbiamo una moltitudine di trattamenti di chirurgia refrattiva che possiamo offrire ai nostri pazienti – tra cui LASIK, ablazione di superficie avanzata, estrazione di lenticoli a piccola incisione (SMILE), intarsi corneali, cambio di lenti rifrattive, chirurgia refrattiva della cataratta e IOL fachiche. Con queste nuove tecniche e i progressi tecnologici che si sono verificati nel corso degli anni, abbiamo raggiunto un tasso ridotto di complicanze associate alla chirurgia refrattiva, come il disagio del paziente e la regressione refrattiva postoperatoria. Ma in questo periodo abbiamo anche imparato che alcuni trattamenti sono meglio orientati verso alcuni pazienti. Credo che l’EVO Visian ICL (STAAR Surgical) sia il trattamento ideale per la correzione della miopia bassa e moderata, il motivo è che la procedura è prevedibile, riproducibile, efficace e, se necessario, rimovibile. Al contrario delle procedure di correzione della visione laser che influiscono sulla biomeccanica corneale,  l’impianto dell’ICL Visian EVO non altera le proprietà meccaniche o ottiche della cornea centrale, consentendo in tal modo di eseguire ulteriori procedure in futuro, se e quando necessario.

CRITERI PER UNA CHIRURGIA EFFICACE

Esistono tre requisiti principali di una procedura di chirurgia refrattiva efficace: (1) efficacia, (2) sicurezza, (3) rimovibilità e conservazione della cornea per future procedure chirurgiche. Visian ICL EVO possiede tutte queste caratteristiche. Efficacia: Con l’ICL Viso EVO, i pazienti possono raggiungere un’eccellente distanza UCVA e refrazione manifesta. Questo è ripetibile, aumentando la mia sicurezza di poter riprodurre risultati di qualità nella stragrande maggioranza dei pazienti. Sicurezza: Come accennato in precedenza, l’ICL Viso EVO non altera le proprietà meccaniche o ottiche della cornea centrale. I risultati clinici dimostrano la conservazione della distanza BCVA dei pazienti e la qualità della visione. Il materiale Collamer utilizzato nell’ICL ha superato la prova del tempo e si è dimostrato biocompatibile con le strutture intraoculari. Rimovibilità e conservazione della cornea: Nel raro caso si verifica una complicazione postoperatoria, un paziente non è soddisfatto della sua qualità di visione dopo l’intervento, o dopo anni sia necessaria un’altra procedura come la chirurgia della cataratta, la Visian ICL EVO può essere facilmente rimossa. Per fornire un contesto, dal momento che impianto le versioni di Visian ICL con KS-Aquaport – un piccolo foro al centro dell’ICL per promuovere un flusso più naturale di umore acqueo – Non ho avuto bisogno di espiantare una ICL singola in più di 500 casi a causa della formazione di cataratta. Prima della disponibilità di questa funzione, nelle oltre 1000 ICL che avevo impiantato, ho rimosso solo quattro lenti a causa di un tocco periferico. Dopo la facoemulsificazione, tutti e quattro i pazienti erano molto soddisfatti della loro visione. Nel raro caso di rimozione, la Visian ICL EVO può essere rimossa e, poiché la cornea viene preservata, i risultati con ulteriori interventi chirurgici non vengono compromessi.

RISULTATI CLINICI

Abbiamo recentemente valutato l’utilizzo di Visian ICL EVO per la correzione miopica al di sotto di -5.00 D al posto di una chirurgia refrattiva si superficie. Lo studio retrospettivo ha incluso 77 occhi  che hanno impiantato Visian ICL EVO +  o Visian ICL EVO+ Toric, entrambi con un diametro ottico aumentato. Prima dell’intervento, tutti i pazienti avevano una distanza BCVA di 20/20 o superiore, erano buoni candidati per la correzione della visione laser e erano disponibili per un anno di follow-up. L’obiettivo refrattivo in tutti i casi era l’emmetropia. Utilizzando i tre criteri per una chirurgia refrattiva efficace descritta sopra, vengono discussi i risultati clinici di questo studio. Efficacia. Preoperatoriamente, l’equivalente sferico refrattivo medio (MRSE) era -3,51 ± 0,85 D (da -5,00 a -1,63 D). Entro 1 anno postoperatorio, MRSE è migliorato a -0,23 ± 0,23 D (da -0,88 a 0,38 D). Il grafico di cambiamento raggiunto in MRSE è mostrato in Figura 1; la deviazione media era -0,23 D (range, da -0,88 a 0,38 D). Inoltre, il 61% degli occhi era entro ± 0,25 D della correzione prevista, il 95% era entro ± 0,50 D della correzione prevista e il 100% era entro ± 1,00 D. Per quanto riguarda la prevedibilità della correzione astigmatica, il cilindro refrattivo medio è migliorato da – 1,80 ± 0,66 D (intervallo, da -5,25 a 0,00) preoperatoriamente a -0,41 ± 0,34 D (intervallo, da -1,25 a 0,00) a 1 anno dopo l’intervento per tutti i soggetti (Figura 2). Osservando i 25 soggetti con ICL Torica, il cilindro refrattivo medio è migliorato da -2,6 D ± 0,91 D (intervallo, da -5,25 a -1,00) preoperatoriamente a -0,32 D ± 0,42 D (intervallo, da -1,25 a 0,00) a 1 anno dopo l’intervento (Figura 2). Nel 96% dei pazienti, la visione a distanza UCVA postoperatoria ad 1 anno era 20/20 o migliore e nel 32% era 20/16 o migliore. Questo è migliorato dal DCVA del 100% e del 16% dei pazienti, rispettivamente, prima dell’impianto di EVO Visian ICL. Safety.

SICUREZZA

L’indice di sicurezza nella nostra valutazione clinica, per quanto riguarda i cambiamenti nella distanza BCVA, era 1.2. In totale, il 55% dei pazienti è rimasto invariato e il 36% ha guadagnato 1 linea. Solo il 9% ha perso 1 riga. Abbiamo anche valutato la conservazione della qualità della visione osservando la dispersione della luce (Figura 3) e valutando le aberrazioni di alto ordine  e Coma nel tempo e il MTF medio superiore nel tempo (Figura 4). ) . Rimovibilita e conservazione della cornea. Ad 1 anno postoperatorio, non ci sono state complicanze visivamente pericolose, la cornea è stata preservata. Se la Visian ICL EVO dovesse essere rimossa in futuro per ulteriori interventi chirurgici, le opzioni di trattamento future restano aperte perché le proprietà ottiche della cornea centrale non sono state alterate.

CONFRONTI

perché l’EVO Visian ICL è la scelta migliore per i miei pazienti con miopia da bassa a moderata? Oltre agli eccellenti risultati visivi e refrattivi che i pazienti possono ottenere dopo l’intervento, l’impianto di una IOL fachica non modifica il centro della cornea (diversamente dalla correzione della visione laser) non andando ad indebolire questa struttura. Il materiale Collamer della ICL, che è esclusivo STAAR Surgical, inoltre, riduce al minimo l’infiammazione, il glare e la reazione cellulare. In tutti gli interventi di chirurgia refrattiva esiste un rischio. A mio parere, lo scenario peggiore con la ICL è la formazione di cataratta, che come ho menzionato precedentemente in questo articolo, si è verificata molto raramente durante la mia esperienza ventennale con la ICL e non è accaduta da quando ho iniziato a usare i modelli con la KS-Aquaport. Dove si verifica una cataratta, l’ICL viene facilmente rimosso, consentendo la chirurgia della cataratta. Potrebbero verificarsi anche problemi di dimensionamento, ma ciò richiede una semplice procedura di scambio ICL. Nella mia esperienza con 500 impianti, l’incidenza di cambio di lenti con Visian ICL con KS-Aquaport è dello 0,6%. D’altra parte, gli scenari peggiori con LASIK e con SMILE sono le ectasie postoperatorie (Figura 5) che richiedono CXL, segmenti/anelli corneale intrastromale o cheratoplastica lamellare anteriore profonda; inoltre con la SMILE può rimanere un frammento di lenticolo, che induce cambiamenti corneali (Figura 6) e richiede un’ablazione personalizzata o eventualmente una procedura DALK. Infine, l’impianto di EVO Visian ICL non indurrà o aggraverà la malattia dell’occhio secco, che è un vantaggio importante per qualsiasi paziente refrattivo.

CONCLUSIONE

Con ​​una storia comprovata da oltre 20 anni e oltre 900.000 ICL impiantate in tutto il mondo, EVO Visian ICL è la mia scelta ideale per la maggior parte dei miei pazienti refrattari, compresi i pazienti con miopia bassa e moderata. ALAA ELDANASOURY, MD, FRCS Magrabi Eye Hospital, Jeddah malaa@magrabi.com.sa Financial disclosure: Consultant (STAAR Surgical)